GIORGIO CAMPIOTTI punto com Idee Appunti ed altre perdite di tempo

aoc-a

erseus, ecco la mia recensione. Decisamente non troppo positiva, vediamo perchè.

Questa vuole essere una mia opinabile recensione su di un ricevitore del quale si legge molto bene, ma che per un motivo o per l'altro non mi ha soddisfatto. Non fraintendiamo subito, il Perseus è indiscutibilmente un ottimo ricevitore, con ottime caratteristiche,ma...

Ho acquistato questo ricevitore usato,ad un prezzo insolitamente alto rispetto al prezzo del nuovo(€ 650 contro i € 790 del nuovo), questo a causa del fatto che c'e' molta richiesta e a quanto sembra la produzione scarseggia.Il prezzo dell'usato è molto elevato,ma questa può essere una buona cosa perchè può essere poi rivenduto ad una ottima cifra. Si può addirittura considerare l'ipotesi di togliersi lo sfizio per qualche mese,rivendendo poi il ricevitore alla stessa cifra alla quale lo si è acquistato. Io l'ho tenuto per circa sei mesi.

Il ricevitore si presenta piccolino e accattivante.Il giallo che lo contorna sta proprio bene.Davanti c'e' qualche led,peraltro del tutto o quasi inutile, dietro il connettore BNC per l'antenna e il connettore di alimentazione.Anche la confezione è ben fatta.
perseus_large 

Una volta collegato all'alimentazione ci si aspetterebbe di vedere qualche led accendersi,ma così non è.Finchè non viene collegato anche il cavo USB al computer e questo viene acceso,il Perseus non si accende. Trovo che questa sia una cosa molto intelligente, così si evita che il Perseus stia molte ore acceso quando ad esempio il computer è spento.

L'installazione dei driver è semplicissima, basta scaricarli dal sito Microtelecom e installarli. Dallo stesso sito è possibile scaricare la versione 3 del software, sebbene da più di 7 mesi sia disponibile una versione più aggiornata (scrivo in giugno 2011).

Il software è ben fatto, l'interfaccia grafica è accattivante e ben studiata,idem l'interfaccia umana è ben studiata.
Ci sarebbe spazio per qualche miglioria sicuramente ma nel complesso funziona tutto bene.
obj224geo223pg12p8 

Le prime prove di ascolto sono ottime, il Perseus riceve i segnali dalla superba antenna ALA1530L, è un'accoppiata eccezionale: i segnali si "vedono" forti e chiari, il rumore pressochè nullo.Gli ascolti su tutte le bande sono piacevoli,mi comincia a mancare un DSP sofisticato come quello di SDR-RADIO,ed anche il Noise Blank e Noise Reducer del Perseus sono sicuramente ad un gradino più basso rispetto alla console SDR-RADIO.

Un caratteristica che trovo ottima di questo siftware è la possibilità di collegare più database di frequenze al programma,visualizzando quindi i record nel momento in cui si capita su una frequenza. In rete è possibile acquistare/trovare database di frequenze molto completi e affidabili,ritengo sia una caratteristica eccezionale poter trovare un segnale e conoscere già con una ottima approssimazione di che segnale si tratta.

Beh,fin qui tutto bene.Ora cominciamo con le mie impressioni negative.

Il software disponibile al momento in cui scrivo è ufficialmente la versione 3 ma in realtà già da 7 mesi è disponibile la versione 4 che aggiunge la possibilità di remotizzare il ricevitore. E' quindi possibile collegarsi attraverso internet ad un ricevitore remoto. La cosa molto discutibile è che il software senza un Perseus fisicamente collegato funziona per soli 60 giorni. Quindi i miei amici che non hanno il Perseus possono collegarsi al mio ricevitore per soli 60 giorni, dopodichè lo dovranno comprare. Oppure io glielo devo spedire in modo da collegarlo e "sbloccare" il software. Non è chiaro nemmeno se sia possibile o meno "acquistare" una licenza del software in modo da usarlo con i tanti ricevitori remotizzati. Anche la parte server del perseus è piuttosto povera di informazioni, non viene data la possibilità di vedere cosa sta ascoltando il client remoto,ne tantomeno ascoltare quanto sintonizzato.
Sottolineo che la "concorrenza" ovvero RfSpace con SDR-RADIO permette di fare tutte queste cose,già da tempo:
 
-Il software è gratuito e non scade dopo 60 giorni.
-La versione Server permette di vedere ed ascoltare quanto il client sta ascoltando. 

Un'altro grosso limite del software,che è poi stata la goccia che nel mio caso ha fatto traboccare il vaso,è la possibilità,o meglio l'impossibilità di usare il Perseus con una radio esterna che funga da downconverter.
Il software Perseus prevede l'opzione A PAGAMENTO per un downconverter,opzione che vi costa la bellezza di  € 32,5+IVA e con un numero di attivazioni molto limitate, che dovrebbero essere 3. Questo significa non poter cambiare più di 3 computer. Inoltre l'opzione è solo per un downconverter fisso. Non è possibile usare una radio VHF/UHF dotata di uscita IF. O meglio è possibile,ma il software Perseus non è in grado di pilotarla correttamente,ne tantomeno visualizzare la frequenza corretta. Trovo che questo sia assurdo. RfSpace con la sua SDR14 permette questa possibilità già dal lontano 2005, mediante il software Spectravue. Ho contattato personalmente lo sviluppatore hardware e software del Perseus, il sig. Nico Palermo, e quelle poche volte che sono riuscito ad ottenere risposta, ho capito che non ha intenzione di fare nulla di tutto questo.E' un peccato, perchè un Perseus utlizzato come panadapter potrebbe essere proprio una gran cosa,viste poi le eccellenti caratteristiche come ricevitore.

Un'altra cosa che davvero non capisco è l'impossibilità di ridimensionare il software. La finistrella striminzita che si apre quando lanciate il software permette di far stare tutto,ma l'utilizzo su monitor generosi è deprimente: sul mio 22" per non parlare del 27" vuoldire utilizzare circa 1/5 di schermo.Perchè?

Che senso ha poi avere un ricevitore che permette uno span in HF di ben 1600khz se la finestra all'interno del quale visulizzare queste informazioni non è ridimensionabile? In HF 1600khz sono tantissimi,e il numero di trasmissioni in questo span può essere molto elevato.Con il software Perseus questo significa avere a disposizione pochissimi pixel per ogni trasmissione,rendendole praticamente invisibili.Assurdo.

Sui forum e nelle community dedicate al Perseus e ad altre SDR in effetti si nota che non c'e' proprio contatto tra gli utenti e l'azienda che produce il Perseus.Le richieste sono tante,le risposte pochissime e a volte parecchio maleducate.Gli sviluppatori indipendenti devono firmare un contratto con Microtelecom prima di poter ricevere l'SDK e sviluppare software in grado di porre rimedio alle molte carenze del software in dotazione,e questa cosa non piace a tutti,anzi piace proprio a pochi,tant'e' che il software disponibile per Perseus è pochissimo.

Non ultima l'impossibilità totale di usare il Perseus su macchine virtuali in emulazione,in quanto non viene proprio rilevato a livello hardware. Quindi se avete un Mac, come il sottoscritto, scordatevi di usare il Perseus con Parallels o VMware.

Ricapitolando,quindi,questi i difetti,a mio giudizio gravi:

-Software che scade dopo 60 giorni se non c'e' un ricevitore fisico collegato
-Opzione Downconverter limitatissima ed a pagamento
-Impossibilità di usare una radio esterna
-Impossibilità di ridimensionare la finestra del software
-SDK sotto licenza *
-Impossibilità di utilizzo con macchine virtuali

 

*Mi fanno giustamente notare che l'SDK sotto licenza non è corretto segnalarlo come difetto.Molte aziende impongono clausole molto rigide ,come quella ehm..specie di società di frutta..mi sfugge il nome adesso :)

 

Concludo con la speranza che queste mie lamentele possano venire ascoltate.Il Perseus è un prodotto davvero valido, le motivazioni che ho elencato qui sopra mi portano semplicemente a pensare che potrebbe essere un prodotto ancora migliore.Tutto qui. Non sto dicendo che non è da comprare,anzi. Io sono contento di averlo avuto, e mi ci sono divertito molto, ma mi sarebbe piaciuto poterlo usare per altri scopi, apprezzandone ancora di più le grandi caratteristiche, ad esempio accoppiato ad una radio esterna.